08
Apr

Cosa succede se non faccio il ritocco microblading?

Sapere cosa succede se non si fa il ritocco del microblading è utile per conoscere le conseguenze di questa scelta e come fare per prenderti cura al meglio della tua dermopigmentazione.
Il microblading è una tecnica estetica che ti permette di ricostruire, pelo dopo pelo, la tua arcata sopraccigliare. Grazie ad una specifica “penna”, è possibile disegnare le sopracciglia, anche quando sono molto rade e assenti, dando loro una forma naturale e armoniosa per i tuoi lineamenti del viso.
Per il trattamento vengono utilizzati particolari pigmenti bioriassorbibili, che hanno una lunga durata ma che non sono permanenti. Da qui nasce il tema del ritocco microblading e della sua periodicità.
Ecco cosa succede se non fai il ritocco microblading e come gestire il trattamento in modo che sia sempre perfetto.

Quanto dura il microblading?

Per prima cosa, rispondiamo a questa domanda: quanto dura il microblading? La durata del trattamento può variare in base a diversi fattori. Ne abbiamo già parlato in questo blog, ma possiamo dire, per riassumere, che la durata media del trattamento si aggira intorno ai 9-12 mesi.
Ad influenzare la durata del microblading possono esserci diversi fattori, come ad esempio:

  • La tipologia di pelle che hai e l’età
  • Lo stile di vita, come il fumo, la tua professione, l’abitudine a frequentare ambienti molto umidi come saune e SPA
  • La cura post trattamento, ovvero tutte le attenzioni da mettere in atto dopo aver effettuato il trattamento
  • La qualità dei pigmenti utilizzati e l’abilità della professionista scelta per il trattamento.

Perché è importante fare il ritocco della dermopigmentazione?

Il ritocco del microblading va messo in agenda perché, dopo qualche mese, i pigmenti iniziano ad essere assorbiti dalla pelle stessa. A differenza del tatuaggio permanente, dove i pigmenti sono, appunto, permanenti, la dermopigmentazione impiega pigmenti bioriassorbibili, che gradualmente iniziano a perdere colore e luminosità.

Il microblading non scompare da un giorno all’altro, ma settimana dopo settimana, dopo qualche mese inizia a diventare sempre più chiaro.

Per mantenere bello il tuo microblading, rinvigorire il colore e ridefinire il disegno, dovrai programmare dei ritocchi periodici, che conferiranno alle tue sopracciglia un aspetto sempre ordinato e curato.

Ogni quanto deve essere fatto il ritocco microblading?

La periodicità dei ritocchi può dipendere da diversi fattori, come il tipo di pelle, l’età e lo stile di vita. Una brava professionista saprà darti risposte in questo senso e dirti esattamente ogni quanto fissare la tua seduta di ritocco, già durante la consulenza preliminare.

Cosa avviene dopo il microblading?

Una volta effettuato il trattamento di microblading, dovrai seguire tutte le indicazioni della professionista che ha realizzato il trattamento con assoluta attenzione, in modo da accelerare la guarigione.
Io consiglio, il giorno successivo al trattamento, di detergere la pelle delicatamente, avendo cura di non strofinare la cute e non tirarla. Puoi utilizzare acqua tiepida e un detergente antibatterico. Subito dopo, è bene applicare una crema specifica, come vaselina o bepanthenol.
Ci sono poi alcune cose da evitare assolutamente nelle prime ore dopo il trattamento, che possono impattare con la durata e, di conseguenza, con la periodicità dei ritocchi.
Ecco gli accorgimenti da seguire:

    • Evitare di grattare la pelle e togliere eventuali crosticine
    • Applicare solamente i prodotti e le creme suggerite per il post trattamento
    • Evitare di truccarti subito nella zona delle sopracciglia
    • Evitare per i primissimi giorni i luoghi umidi come piscina o in SPA
    • Resistere alla tentazione di toccare le sopracciglia con le mani sporche
    • Evitare trattamenti di depilazione come la luce pulsata
    • Mettere da parte trattamenti aggressivi come il peeling

Ritocco microblading dopo un anno: è troppo tardi?

Molto spesso le mie clienti mi chiedono se si può programmare un ritocco microblading dopo un anno. Un anno o comunque più di 12 mesi è un periodo piuttosto lungo, durante il quale il tuo microblading potrebbe perdere colore e brillantezza. Il colore, con il tempo, si trasforma: questo processo è del tutto naturale dopo un anno ed è un “segnale” che c’è bisogno assolutamente di un ritocco.
Quindi, sicuramente se è passato un anno dall’ultimo trattamento, avrai bisogno di un ritocco. Il mio consiglio è di non far passare troppo tempo, per evitare di dover di fatto realizzare un nuovo lavoro.

Il microblading si cancella?

. Come ti dicevo, dopo molti mesi dall’ultimo trattamento il microblading scompare gradualmente. Ciò perché i pigmenti sono bioriassorbibili. Proprio per questo è necessario procedere con i ritocchi nei tempi stabiliti.

Prenota la tua seduta di microblading

Le tue sopracciglia non sono come le vorresti? Se stai cercando un trattamento per avere sopracciglia perfette, senza essere dipendente dal trucco e con una soluzione molto duratura e costruita sui tuoi lineamenti, la dermopigmentazione è la scelta ideale per te.

Per saperne di più e prenotare il tuo appuntamento a Roma, contattami.